Il contadino in bici supera e umilia i triatleti in salita

Una vera e propria avventura, che ha subito regalato incredibili sorprese, per due triatleti europei che hanno deciso di girare tutta l’America Latina in bicicletta in meno di 58 giorni. Il francese Axel Carrion e lo svedese Andreas Fabricius, infatti, sono partiti il giorno di Capodanno da Cartagena, in Colombia, ma una volta giunti a Dabeiba, nel Dipartimento di Antioquia, hanno assistito subito ad una scena che li ha lasciati di stucco.

download-3

Nonostante i muscoli d’acciaio e l’equipaggiamento professionale, infatti, i due triatleti sono stati superati agevolmente in salita da un contadino, neanche troppo giovane, in sella ad una bici un po’ sgangherata che trasportava un sacco decisamente pesante. A documentare la scena un video postato da Axel e Andreas sulla pagina Facebook.
Luis, questo il nome del contadino, ha subito sorpreso i due con il sorpasso in scalata, una vera e propria specialità dei ciclisti professionisti colombiani ma evidentemente inaspettato per un uomo apparentemente gracile e non più giovanissimo. «Ha più forza di noi, ci sta ridicolizzando», commenta uno dei due in sella alla bici. Dopo aver scambiato qualche parola con Luis, i due triatleti hanno raccontato la sua storia: «Tutti i giorni trasporta pesi in bici per dieci km, di cui almeno due in salite ripide». Sul web, intanto, c’è chi si mobilita per consegnare all’uomo una mountain-bike per muoversi ancora più velocemente. Intanto il viaggio dei due triatleti, che dovrebbe concludersi in Argentina entro la fine di febbraio, prosegue.

Entrare in Europa nell’area Schengen costerà 5 euro

Cinque euro. È quanto potrebbe costare entrare nell’area Schengen, per tutti i cittadini provenienti da Paesi extra Ue che hanno un accordo di sospensione dei visti con l’Unione. Questo per effetto del nuovo Sistema europeo di informazioni e autorizzazione di viaggio (Etias), che nelle intenzioni della Commissione Ue, dovrebbe diventare operativo dal 2020.

2082427_migranti_leggo_15171229

La proposta legale sull’Etias, che sarà presentata domani a Bruxelles, punta a stringere le maglie delle frontiere esterne dell’Unione per la lotta al terrorismo e all’immigrazione clandestina. Il sistema varrà per tutti i cittadini non Ue che possono entrare nell’area Schengen senza visto, per soggiorni brevi, sul modello del sistema Usa Esta, creato dopo l’11 settembre.
Potrebbe così accadere che dopo la Brexit, i turisti britannici si ritrovino a dover pagare, per visitare le città d’arte italiane, francesi o spagnole. Secondo i dati dell’Istituto britannico di statistica, lo scorso anno sono stati oltre 30 milioni i viaggi compiuti da turisti britannici nell’Ue con Spagna (13 milioni) e Francia (8milioni) in testa. Come il cugino americano, il sistema prevede che tutti coloro che vogliono entrare in un paese europeo compilino un formulario online e paghino una tassa d’ingresso.
Ma a differenza dell’Esta, che può costare fino 60 dollari ed è valido per due anni, il prezzo dell’Etias sarà di 5 euro ed avrà una validità di cinque anni. E di fatto potrebbe essere un bell’affare per le casse dell’Unione, anche nell’ottica di raccogliere fondi da reinvestire in misure destinate alla sicurezza. Senza contare che con la raccolta dei dati prima del viaggio, il sistema permetterà di effettuare uno screening determinando la candidabilità della persona ad entrare nell’area Schengen. Il sistema sarà infatti collegato ad una serie di database nazionali ed europei, pronti a dare una risposta in tempi rapidi con un semplice click.
Inoltre Etias si baserà sul funzionamento del Sistema di Ingresso-Uscita (Entry-Exit System – Ees), che la Commissione Ue auspica sia adottato entro fine anno, per la raccolta di informazioni su ingresso e uscita di tutti i cittadini non Ue dal territorio Schengen.

Miss Mosca scompare nel nulla a 17 anni: “È a Dubai per vendere la sua verginità”

Era stata data per dispersa Anna Feschenko, eletta Miss Mosca a soli 17 anni, ma si è poi scoperto che si trovava a Dubai per vendere la sua verginità per 8 mila sterline dopo un’offerta ricevuta durante una festa vip.

miss-verginita_22164240

La ragazza era misteriosamente sparita nel nulla e la famiglia ne ha denunciato la sparizione. Immediatamente la polizia si è attivata, anche per la sua giovane età, e ha seguito la pista di Dubai dopo che alcuni amici della 17enne avevano palesato il timore che potesse essere finita in un giro di escort. La ragazza aveva detto ai suoi amici, come riporta Metro, di aver vinto un viaggio in Medio Oriente e poi era sparita. Le indagini hanno però mostrato che la ragazza si era recata a Dubai con l’intenzione di vendere la sua verginità e di fare soldi in modo da potersi mantenere da sola agli studi durante l’università che avrebbe dovuto iniziare a breve.
La ragazza si trova ancora negli Emirati ma non sembra intenzionata a tornare, la famiglia le ha lanciato un appello chiedendole di fare ritorno e che dicendo che si occuperanno loro di ogni spesa universitaria.

Primo appuntamento (con viaggio) da incubo in Turchia, ne esce grazie al tentato golpe

Una grande lezione di vita: mai tentare un viaggio insieme come primo appuntamento. Ne sanno qualcosa due giovani inglesi, la ventenne infermiera Nicole Graham e il 22enne rappresentante Phil Stephenson, che si erano conosciuti grazie all’app Tinder ma dopo alcune conversazioni non erano mai usciti insieme.

1862534_titolomA raccontare l’incredibile vicenda è Metro.co.uk. Nicole aveva prenotato un viaggio a Istanbul per lo scorso weekend, insieme alla madre e alla sorella, ma queste ultime furono costrette a rinunciare all’ultimo. Quando Phil, pochi giorni prima, aveva chiesto a Nicole di uscire, la ragazza gli aveva spiegato di dover partire e aveva rilanciato invitandolo a unirsi a lei, pagando circa 150 sterline per il viaggio. E così è stato: il primo incontro tra i due è avvenuto all’aeroporto, poco prima di imbarcarsi per il volo diretto in Turchia. E già dalla fase di imbarco era chiaro che quello non fosse l’appuntamento che entrambi sognavano.
«Sin dal primo istante sembrava molto più interessato al suo smartphone che a me, non mi ha degnato della minima attenzione», si è lamentata Nicole. E anche Phil sembrava leggermente infastidito dall’atteggiamento della ragazza: «Ci conoscevamo da pochi minuti e pretendeva che ci comportassimo come una coppia sposata».
Subito dopo l’atterraggio all’aeroporto di Dalaman, i due hanno saputo del golpe in atto da pochi minuti. Dopo diversi minuti di angoscia, Nicole ha chiesto a Phil di sentirsi libero di prendere un volo per tornare in Inghilterra anziché proseguire la vacanza insieme a lei in un resort. Il ragazzo non ci ha pensato due volte, e ha preso il primo volo disponibile per tornare a casa. Lasciando però Nicole con un conto da 60 sterline nella struttura e soprattutto rubandole il dentifricio. Va bene essere delusi, ma la cattiveria gratuita il buon Phil poteva risparmiarsela.

Obama, birra e cena low cost in Vietnam con lo scrittore Anthony Bourdain

Una cena per due in Vietnam a soli 6 dollari, come dei semplici turisti. Ma i protagonisti sono il Presidente degli Stati Uniti Barack Obama e il cuoco scrittore Anthony Bourdain.

13267757_1148590505204140_1901385232209677575_nSeduti su uno sgabello di plastica con una birra in mano i due si divertono nel piccolo locale Bún cha Huong Liên di Hanoi lasciando di stucco i clienti che sono vicini a loro. Le immagini sono state pubblicate sui social network di Bourdain riscuotendo un gran successo. Nonostante sia in trasferta per un viaggio istituzionale, Obama ha voluto concedersi qualche minuto di semplicità.

Crede di aver sposato l’uomo della sua vita, durante il viaggio di nozze fa una scoperta choc

Crede di aver sposato l’uomo della sua vita e scopre che in realtà è un mostro. Jazmin Cullen, 24enne, ha sposato 5 anni fa Jason Cullen credendo di aver trovato l’uomo con cui invecchiare, durante il viaggio di nozze prò ha fatto una scoperta choc.
Il marito, conosciuto all’età di 19 anni, non era chi diceva di essere: il suo vero nome è Jason Hodson, ed era stato incarcerato due anni prima per possesso di ben 8mila immagini di abusi su minori e per averle scambiate con altri pedofili.

1652517_sposo-pedofilo

Jason aveva scontato la pena e aveva pensato di ricominciare una nuova vita con Jazmin nascondendole però il suo passato.
A scoprire la verità, secondo quanto riportato dal Daily Mail, è stata la nonna della ragazza. I due sono stati suoi ospiti durante la luna di miele e in quell’occasione la nonna ha notato le immagini pedopornografiche nel pc del marito della nipote.
«Sembrava un uomo così normale e affascinante, ancora oggi trovo molto difficile credere che sia la stessa persona. Ho provato a credere che fosse tutto un errore. Non riuscivo davvero a credere che avesse fatto quello, ma alla fine non ho potuto far altro che accettare la realtà», ha raccontato la ragazza.
Nell’aprile del 2011 Jason è stato nuovamente condannato a 18 mesi. La ragazza ha chiesto il divorzio, ma a distanza di 5 anni dalla scoperta choc ancora non è riuscita a ottenerlo.