“Sono stata violentata da ragazza”. Loredana Bertè, confessione choc a Domenica Live

“Sono stata violentata. Avevo 16/17 anni”.
Loredana Bertè sceglie lo studio di Domenica Live per raccontare il dramma della violenza subita da ragazza.
“Ero l’unica ancora vergine nel mio gruppo di amiche. Facevamo le serate a Milano. Loro mi dicevano che era ora che trovassi la persona giusta.

berte-770x430

A Torino, c’era questo signore, un ragazzo, molto gentile. Per un mese mi ha mandato grandi mazzi di rose in camerino. Le amiche mi dicevano: è quello giusto. Mi sono detta che era arrivato il momento, mi sono fidata delle parole delle mie amiche. Così una sera ho deciso di cedere”:
La serata romantica si trasforma rapidamente in un incubo.
“Pensavo saremmo andati a casa sua, invece, mi ha portata in uno squallido bilocale. Era un uomo che aveva la Ferrari. Appena ha chiuso la porta alle nostre spalle, ho sentito un brivido, mi è preso un colpo. Volevo andare via. Lui mi ha presa a calci a pugni. Mi ha violentata. Mi ha strappato i vestiti. Io però sono riuscita a scappare. Non so come, sarà stata la forza della disperazione. Mi sono buttata in strada. Ero piena di sangue. Mi ha salvato un tassista. Mi ha portata in pronto soccorso. Ho odiato le mie amiche. Non lo potevo neppure dire a mia madre, altrimenti mi avrebbe picchiata anche lei. Dopo, non ho voluto più vedere un uomo per tre/quattro anni”.
Difficile la situazione familiare di Loredana Bertè.
“A mia madre non gliene fregava nulla, le interessavano solo i soldi. Mio padre mi ha picchiata perché quando è morta mia sorella gli ho detto: ‘Figlio di puttana che cosa hai fatto a Mimì?’. Picchiava mia sorella, mia madre, tutti. L’abbiamo vista tutti Mia dentro la bara. Era piena di lividi”.

Al Bano lascia l’ospedale e rassicura i fan: “In grande forma e di ottimo umore”

Al Bano Carrisi è stato dimesso stamattina intorno alle ore 10. Il cantante ha lasciato il “Vito Fazzi” di Lecce, dopo aver trascorso la sua ultima notte nel reparto di Neurologia, tranquillo e riposato, riporta l’ultimo bollettino medico.

large-170203-151028-14893935-large

“Il suo stato di salute – spiegano i dirigenti della struttura ospedaliera salentina – è ottimo, l’umore anche”. I medici gli hanno prescritto un congruo periodo di riposo a casa e la continuazione della terapia già avviata in ospedale, così da completare in modo ottimale la fase di recupero. Prima di lasciare il reparto e fare ritorno a Cellino San Marco, l’artista ha voluto salutare brevemente gli altri degenti e ringraziare il personale sanitario.

Massimo Ranieri, morta la mamma. Addio a Giuseppina, aveva 92 anni

È morta ieri notte, Giuseppina Calone, la madre di Massimo Ranieri, malata da tempo: aveva 92 anni. Nei giorni scorsi il cantattore napoletano aveva cancellato le repliche napoletane del suo ultimo spettacolo, «Teatro del porto», proprio per starle vicino: le era affezionatissimo, una volta la aveva voluta anche al suo fianco in tv, in una puntata del suo show su Raiuno «Siamo tutti invitati: citofonare Calone».

2213397_16265737_1421166071249973_882166891737255059_n

Fiera del figlio, la signora, racconta volentieri la storia della sua famiglia. Massimo era il quinto di otto figli (quattro maschi, quattro femmine), il padre Umberto era operaio all’Italsider, lei casalinga. «Se mia madre ha messo al mondo Giovanni Calone, mio padre ha fatto nascere Massimo Ranieri: mia madre mi ha fatto crescere, mio padre mi ha permesso di diventare l’uomo che sono. Perché lui non ha mai smesso di sognare accanto a me», raccontava l’artista che a lei aveva dedicato nel 2007 anche il titolo della sua prima autobiografia, «Mia madre non voleva», edita dalla Rizzoli.

Addio a Debbie Reynolds, morta 2 giorni dopo la figlia: “Voglio stare con Carrie”

E’ morta l’attrice Debbie Reynolds, protagonista nel 1952 di “Cantando sotto la pioggia”, uno dei più celebri musical di sempre, e madre di Carrie Fisher, la “principessa Leila” di Guerre Stellari deceduta martedì. La notizia della morte è stata data dal figlio.La Reynolds, colpita da ictus, aveva 84 anni. Suo figlio, Todd Fisher, al Cedars-Sinai Medical Center, ha detto: “Ora è con Carrie e noi abbiamo il cuore distrutto”.

2166151_debbie

Lo stress per la morte della figlia ”era stato troppo forte” ha detto ancora Fisher. Debbie Reynolds non aveva ancora 20 anni quando recitò da protagonista nel musical di Gene Kelly ”Cantando sotto la pioggia”.
Era rimasta celebre anche per il suo ruolo in un altro musical, ”The Unsinkable Molly Brown” (”Voglio essere amata in un letto d’ottone”), che le valse una nomination all’Oscar. Alla fine degli anni Cinquanta fece scalpore il suo divorzio dal cantante Eddie Fisher, che la lasciò per Elizabeth Taylor. Negli anni 70 era stata protagonista di una serie tv, “Ciao Debbie”, trasmessa anche in Italia, mentre negli anni 90 si ricorda il suo ruolo in “In & Out”, dove interpreta la madre di Kevin Kline, un professore che si scopre gay alle soglie del matrimonio. Sempre negli anni 90, era tornata alla televisione nella serie amatissima “Will & Grace”, nella quale interpretava la mamma di Debra Messing.
Le ultime parole di Debbie Reynolds: ”Voglio stare con Carrie”. E poi è morta, ha infine detto il figlio Todd.

Il dramma di Linus, morta la cagnolina di soli 10 mesi: “Scappata, è stata investita”

Aveva solo 10 mesi la piccola Bruna, la bellissima cagnolina di Linus. È morta tragicamente e il noto dj ha scritto un lungo post su Instagram carico di dolore. Passato dalla gioia quotidiana di un cucciolone a un dramma improvviso. La cagnolina è scappata un secondo, un momento fatale. Poi è stata investita da un’auto ed è morta tra le braccia del figlio Filippo. Ecco le sue parole pubblicate sul social network.

37434151

“Questo è uno di quei momenti in cui odio il mio lavoro.
Perché mi obbliga a condividere qualcosa che vorrei invece dimenticare.
Ma di cui non posso non parlare.
Non dopo che ne ho parlato mille volte.
Ieri a mezzogiorno è morta Bruna.
Così, all’improvviso.
Dieci minuti prima stava tentando di scippare un pollo dalla padella, dieci minuti dopo non c’era più.
È scappata a mio figlio davanti a casa, al rientro dalla passeggiata, inseguendo chissà cosa. Un altro cane, un gruppo di piccioni, non ha importanza.
“È stata con noi nove mesi, ma li ha vissuti fino all’ultimo secondo.
È stata con noi nove mesi, ma dopo che abbiamo fatto sparire qualunque oggetto sembra quasi non sia mai esistita.
Ci ha all’inizio violentato l’esistenza, fino a farmi pentire di averla presa.
E poi ce l’ha pian piano cambiata, riempita, colorata.
Ha fatto di più lei per la mia famiglia in questo poco tempo che ognuno di noi singolarmente negli ultimi dieci anni.
Era diventata l’ombra di Carlotta, la migliore amica di Filippo e il pupazzo di Michele.
Era la compagna di giochi di tutti i cani del quartiere, e forse un po’ anche di voi ascoltatori.
Sono stato felice di condividere ogni gioia che mi ha regalato, però adesso questo rende ancora più pesante il momento, ora che per contrappasso sarò costretto a spiegare all’infinito come sta.
Sta che non c’è più, ecco come sta.
Era un cane felice, Bruna. Profondamente, ingenuamente felice.
E noi lo siamo stati con lei.
Ho cercato tutto il giorno di capire il significato di tutto questo, e forse è proprio nell’armonia che ha riportato nella nostra vita.
Adesso ci sta guardando, dall’alto, col muso tra la ringhiera. Ce la fate da soli?”
Non era mai successo, almeno non su quello stradone.
Un attimo. La prima macchina l’ha evitata, la seconda non c’è riuscita.
È morta praticamente tra le braccia di Filippo, appena arrivata al Pronto Soccorso Veterinario.
Aveva appena compiuto undici mesi, tra poco avremmo festeggiato il suo primo Natale.
È un dolore grandissimo, inaspettato, indescrivibile.
Non riesco a non pensarci, a non pensare all’ingiustizia di un’anima così innocente che se ne va così improvvisamente, violentemente, ingiustamente”.

Lite in tv tra Pamela Prati e Stefano De Martino: la showgirl abbandona lo studio

Lite in tv tra Pamela Prati e Stefano De Martino durante le registrazioni della quarta puntata di ‘Selfie’, il programma condotto da Simona Ventura. La concorrente del Grande Fratello Vip si sarebbe rivolta alla trasmissione per superare la ormai nota claustrofobia. Per il ballerino sarebbe apparso inconcepibile che la star del Bagaglino non si fosse rivolta a un medico pagandolo. Ed è qui che sarebbe nata la lite con la Prati che ha abbandonato lo studio.

2126788_prati_demartino

“Sono venuta qui a ‘Selfie’ perché spero che un medico possa aiutarmi a superare questa paura che ho per il volo, che oltretutto è anche un problema per il mio lavoro. Potete aiutarmi a trovare un medico, uno psicologo, qualcuno che mi possa in qualche modo aiutare?”, avrebbe detto Pamela Prati secondo la ricostruzione della puntata che andrà in onda il 12 dicembre. La risposta di De Martino sarebbe stata: “Scusa Pamela, noi siamo dei privilegiati, siamo strapagati, stiamo benone, ma devi venire per forza a ‘Selfie’ per risolvere il tuo problema? Non potevi andare da un medico privato, pagare quello che c’è da pagare e lasciarci vivere in pace con i ragazzi normali che vengono a ‘Selfie’ per problemi ben diversi”.
La Ventura si sarebbe schierata con la showgirl arrabbiandosi con Stefano De Martino e anche Katia Ricciarelli gli avrebbe dato dello sgarbato. “Pamela Prati si è alzata ed è uscita dallo studio”, dice il giornalista Roberto Alessi.