3
Loading...
Download!Download Point responsive WP Theme for FREE!

Claudia, la moglie di Nainggolan e la lotta contro il cancro: «Ora mi godo le mie figlie, non potrò più averne»

5076089_1240_claudia_lai_radja_nainggolan_cancro_figlie

«La mia battaglia contro la malattia prosegue bene. Ho ricevuto tanto affetto e solidarietà da molti, ma non da tutti: ci sono calciatori che non hanno risposto al mio appello, volevo mettere le maglie all’asta per aiutare il reparto di Oncoematologia pediatrica di Cagliari». Parola di Claudia Lai, la 37enne moglie di Radja Nainggolan, che da mesi sta affrontando una dura lotta contro il cancro.

A pochi giorni da Cagliari-Roma, in cui il marito ritroverà la sua ex squadra, Claudia Lai si è confessata a Chiara Zucchelli per La Gazzetta dello Sport, raccontando tanti aspetti della malattia e della sua vita. «Siamo legatissimi a Roma e alla Roma, per noi sarà una partita speciale. A Roma ci siamo sentiti sempre a casa e abbiamo trovato tanti amici: una di loro è Amra, la moglie di Edin Dzeko, una persona stupenda. In un certo senso, Roma mi ha salvato la vita, perché l’ex medico della Roma, il dottor Del Vescovo, mi ha messo in contatto con il dottor Vincenzi del Campus Biomedico dove ora sono seguita e coccolata» – spiega la moglie di Radja Nainggolan – «A Milano sono stata operata subito, poi ho firmato per tornare a casa dalle mie figlie. Sono rimasta in ottimi rapporti anche con le mogli dei calciatori o ex calciatori dell’Inter».

La moglie di Radja Nainggolan racconta poi i momenti più difficili, compreso quello in cui, l’estate scorsa, rese pubblica la sua malattia. «Mi ero resa conto di non esser stata abbastanza lucida per affrontare il problema, ho preso quella decisione per confrontarmi con chi condivideva il mio stesso incubo. Parlandone pubblicamente ho potuto conoscere, anche virtualmente, donne col mio stesso problema, e questo ci permettava di darci forza a vicenda» – spiega Claudia Lai – «Già da piccola, quando avevo sette anni, ero stata sottoposta ad un intervento a cuore aperto per una malformazione cardiaca. Essere cardiopatica rende ancora più difficile il mio percorso, perché non posso utilizzare determinati farmaci e devo stare molto attenta alle infezioni. A dicembre, poi, a causa di un versamento di liquido al cuore ho dovuto interrompere le terapie per due mesi».

La battaglia contro il cancro prosegue, ma intanto Claudia Lai può già godersi la sua parziale rinascita: i capelli sono riscresciuti e la moglie di Radja Nainggolan, che come il marito ama la body-art, si è fatta tatuare anche il nastro simbolo della lotta contro il cancro. I problemi però non mancano: «Tutte le cure mi hanno provocato diversi problemi: cuore, difesa immunitarie basse, osteoporosi e complicazioni dovute alla menopausa forzata. Grazie a Dio ho già due splendide bambine e me le godo quando posso, anche perché non potrò più avere figli e per le terapie spesso sono costretta a stare lontano da loro». Claudia Lai lancia poi un appello a tutte le donne: «Io sono stata fortunata, mi sono accorta per tempo, anche se era già al quarto stadio. Noi donne dovremmo amarci di più e farci controllare spesso. A volte basta poco per evitare una tragedia».

Claudia, la moglie di Nainggolan e la lotta contro il cancro: «Ora mi godo le mie figlie, non potrò più averne»ultima modifica: 2020-02-26T14:23:28+01:00da giorgio662015
Reposta per primo quest’articolo
Loading...

Add a Comment