Angelina Jolie, divorzio traumatico per i sei figli: la star li porta dallo psicoanalista

Mentre Brad Pitt piange e si dispera, Angelina Jolie porta i figli dallo psicanalista per rendere meno traumatica la separazione. Ogni giorno emergono nuovi particolari sul divorzio del secolo. A spifferarli al magazine “People”, stavolta, è stata una persona molto vicina alla famosa ormai ex coppia di Hollywood: “Angelina ha fatto quello che sentiva di fare per proteggere la sicurezza dei bambini”, ha detto.

angelina-jolie-oggi

La Jolie lo sa bene che la separazione è molto difficile da accettare, così la star ha deciso di tutelare i figli – Maddox (15 anni), Pax (12), Zahara (11), Shiloh (10) e i gemelli Vivienne e Knox (8) – come meglio può. Intanto ha ottenuto la loro custodia, ma il padre Brad può vederli (seppur con il supporto di un analista, almeno le prime volte).
A proposito di Pitt, una fonte vicina all’attore ha confermato che “è devastato per quello che è successo nelle ultime settimane, sia per come è stata letta erroneamente tutta la vicenda dall’esterno, sia per il fatto che questi eventi minacciano la famiglia nella sua capacità di reazione e nella sua possibilità di guardare avanti”. E siamo solo all’inizio.

La star della tv e quella foto dal passato: “Qualche compleanno fa”. La riconoscete?

Da tenera bambina a conduttrice famosa in tutta Italia. Riuscite a riconoscere questo piccolo angelo biondo dolcissimo? Questa mattina, sul suo profilo Facebook, in occasione del suo compleanno ha voluto condividere con i suoi followers un piccolo scatto dal passato.

26843832Parliamo di Diletta Leotta, giornalista e conduttrice di Sky Sport e volto della Serie B, nonché idolo dei social (è attivissima su Facebook e Instagram) per le sue curve sexy. E tra i commenti alla foto, molti suoi fans non hanno mancato di farle capire perché il giovane volto della pay tv sia così amato…

Justin Bieber rifiuta 5 milioni da Donald Trump: niente concerto per i Repubblicani

L’offerta sul piatto era di ben cinque milioni di dollari, per soli 45 minuti di esibizione, ma Justin Bieber ha detto no a Donald Trump. A quanto riporta il sito di gossip americano “TMZ.com”, la popstar ha rispedito al mittente la proposta di esibirsi alla convention repubblicana a Cleveland, durante la quattro giorni che ha ufficializzato la nomination del magnate come candidato numero uno tra i repubblicani alla corsa per la Casa Bianca.

bieberPer la performance Bieber sarebbe stato pagato a peso d’oro, circa 112mila euro al minuto, ma il suo manager Scooter Braun (fervente sostenitore di Hillary Clinton) avrebbe suggerito al cantante di declinare l’invito.
Il cantante ha deciso di tenersi lontano dalla politica, riservando le doti canore solo alle sue fan che lo venerano come un idolo. Ultima in ordine di tempo un’ammiratrice, che ha passato il compleanno dei suoi 18 anni in auto davanti alla casa della star pur di vederlo. La ragazza si trovava su una strada pubblica, quindi nessuno poteva costringerla ad andarsene, e ha deciso di terminare l’appostamento (durato ben 12 ore) solo dopo che Justin è sceso ad abbracciarla. Un’avventura da raccontare agli amici, ma niente selfie o testimonianze fotografiche visto le rigide regole imposte dalla star in materia di privacy.

Charlie Sheen: “Da quando ho detto di avere lʼHiv, nessuno vuole fare sesso con me…!”

Ha scioccato il mondo intero rivelando, lo scorso novembre, di aver contratto l’HIV. Adesso Charlie Sheen, 50 anni, nominato brand ambassador di un nuovo tipo di preservativo super tecnologico, ironizza sulla sua condizione e in conferenza stampa dice: “Nessuno vuole fare sesso con me, nemmeno in un carcere femminile con una manciata di condom in mano…”.

C_4_articolo_2162850__ImageGallery__imageGalleryItem_3_imageL’ex-star di “Due Uomini E Mezzo” è a Londra in questi giorni proprio per presentare il nuovo preservativo Lelo-Hex e sensibilizzare il mondo sul sesso protetto: “Ci sono ancora troppi tabù sul suo utilizzo”, ha detto Sheen, un tempo la star più pagata della televisione americana. Durante la conferenza stampa l’attore ha continuato ad ironizzare sul suo stato di salute: “Da quando ho rivelato di avere l’HIV sto lottando per poter fare sesso…”, e ha aggiunto: “Non ho appuntamenti, sto solo con la famiglia e al momento non riuscirei ad ottenere del sesso nemmeno in un carcere femminile con una manciata di preservativi in mano!!”.
Sheen ha annunciato di essere positivo all’HIV nel novembre dello scorso anno, e di aver combattuto con la malattia fin dal 2011. Da quel momento l’opinione pubblica si è mossa ed è nato una sorta di “effetto Charlie Sheen”, che ha provocato un’onda di interesse sull’argomento.
“La situazione personale di Charlie Sheen è il tragico risultato della salute sessuale dei nostri giorni”, ha detto il CMO di LELO, “ma Sheen è anche un simbolo di cambiamento con la forza e il coraggio di affrontare di petto grandi problemi…”
Al momento l’attore si sta sottoponendo ad una nuova una terapia della durata di quattordici settimane, consistente nell’assunzione di un farmaco innovativo dal nome PRO 140, che ha come scopo il contenimento degli effetti del virus, ma soprattutto la riduzione degli effetti collaterali della terapia tradizionale. “Il test che sto provando è di una volta a settimana e non ho effetti collaterali. Sono molto felice di essermi sottoposto a qualcosa di nuovo e che sono sicuro aiuterà molte persone. La terapia tradizionale mi ha provocato problemi di stomaco, emicrania e una sorta di disconnessione, che si manifesta sotto forma di demenza a volte…”.

Quando Tyler, la star di YouTube, trollava a “Cʼè posta per te”

Trollare (ovvero in gergo web provocare) sin dalla più tenera età. E’ quello che ha fatto Tyler, youtuber italiano da 450mila fan, che sulla piattaforma

C_2_articolo_3006567_upiFoto1F

Blasteem ha postato il video del suo primo scherzo pubblico. Fatto niente meno che a “C’è posta per te”, dove si è presentato quando aveva 4 anni per chiamare il padre e dirgli che non voleva più giocare con lui.

Star Wars, il bambino che interpretava Anakin Skywalker finisce in ospedale psichiatrico

E’ finito in un ospedale psichiatrico Jake Lloyd, che da bambino interpretò il giovane Anakin Skywalker nel capitolo “La minaccia fantasma” della popolare saga di Star Wars.

1435085460483.PNG--

La star di Guerre Stellari era stata arrestata nel 2015 per eccesso di velocità e, inseguito dalla polizia, si era schiantato contro un albero. Dal carcere, scrive il sito Tmz, è ora passato ad un istituto psichiatrico perché schizofrenico.
La madre di Jake, Lisa, ha spiegato che sarebbe già migliorato. Il ragazzo, ora 27enne, smise di recitare nel 2001 dopo il flop dei capitoli della saga di cui era interprete e, vittima di prese in giro dei compagni, distrusse tutti i suoi giocattoli di Star Wars.