Mamma sopravvive all’attentato grazie al suo smartphone: “Le ha fatto da schermo”

Salvata dal suo smartphone durante l’attentato di Manchester. Lisa Bridgett, mamma di 45 anni, stava parlando al suo telefono quando è avvenuta la deflagrazione durante il concerto di Ariana Grande e un elemento metallico le ha sbattuto in testa. Fortunatamente lo smartphone ha fatto da schermo e la donna è riuscita a salvare la vita.

salvata-telefono_25170528

La donna ha subito l’amputazione di un dito e alcune ferite alla guancia e al naso ma non è in pericolo di vita. «È stata molto fortunata», ha raccontato il marito a Metro. La donna si trovava al concerto per accompagnare la figlia e una sua amichetta, fortunatamente entrambe salve. Oltre alle escoriazioni in volto, Lisa è stata sottoposta a un intervento chirurgico alla gamba alla quale aveva riportato una grande ferita.
La mamma è fuori pericolo e in via di guarigione, secondo i medici si riprenderà completamente, a preoccupare è però il dito che potrebbe perdere per sempre. Il marito ha però ringraziato i medici e la polizia, senza il cui aiuto probabilmente la moglie non sarebbe riuscita ad uscire dal palazzo.

Malati di selfie, sei persone ricoverate in ospedale: “Non riescono a farne a meno”

I selfie possono nuocere gravemente alla salute. Non è solo un modo di dire, ma un dato di fatto visto che in Inia sono state ricoverate ben 6 persone a causa della dipendenza dall’autoscatto. Sei indiani, per lo più giovani, sono in osservazione nei due principali ospedali indiani perché affetti da gravi disturbi psichiatrici legati ad un un uso compulsivo del telefono cellulare, fenomeno che alcuni definiscono anche ‘selficidiò.

2184495_selfie_india_malati

Prendendo lo spunto dalla storia di una ragazza di 18 anni, presentatasi all’ospedale Aiims con una presunta malformazione al naso, ma poi trasferita nel dipartimento di psichiatria, il quotidiano Mail Today dedica al tema della dipendenza dai selfie in India la sua prima pagina. E precisa che tre pazienti sono in cura nello stesso Aiims ed altri tre nel Sir Ganga Ram Hospital.
Lo psichiatra Nand Kumar dell’Aiims ha dichiarato al giornale che i tre pazienti presi in cura «sentivano il bisogno impellente di mettersi in posa davanti allo smartphone» e per questo «avevano sviluppato una patologia conosciuta come ‘disordine dismorfico del corpò (continuo pensiero ad un proprio difetto fisico, ndr.) che li ha portati ad un disordine compulsivo ossessivo». Gli esperti, aggiunge il giornale, ritengono che i sintomi di questo disordine sono così sottili che molti di coloro che usano continuamente il cellulare per ritrarsi in ‘selfiè non si rendono conto del perché poi si sentano depressi e disorientati. Secondo l’Associazione psicologica americana (Apa), circa il 60% delle donne che soffrono di questa patologia ossessiva non se ne rendono conto.

Scintille fra i giudici di XFactor, Fedez contro Arisa: “nessuna risposta ai messaggi”

Dopo i famoso post su Facebook in cui si paragonava a Mia Martini, molto si è parlato di Arisa, prossima tornare in veste di giurata nei panni di “XFactor”.

arisa-fedezE la cantante sembra avere un piccolo problema di comunicazione proprio con un collega del talent di casa Sky, il rapper Fedez: “Arisa (nome d’arte di Rosalba Pippa) collega di “banco” in giuria nella prossima edizione di X Factor del veterano Fedez – si legge su “Chi” –  si chiede come mai il rapper non abbia ancora risposto ai messaggini che gli invia via smartphone”

Aaron, sposa il suo iPhone a Las Vegas: “Vi dichiaro marito e smartphone”

«Vi dichiaro marito e iPhone»: sarà stata forse questa la formula pronunciata nei giorni scorsi in una cappella di Las Vegas, città americana celebre per i matrimoni veloci e le bizzarrie che hanno ispirato diversi film. Protagonista della storia Aaron Chervenak, di Los Angeles, che ha guidato fino alla città del Nevada per poter giurare fedeltà al suo iPhone.

36100824Lo stato del Nevada non riconosce questo genere di unione ma, secondo il proprietario della cappella in cui si è celebrato il rito, Chervenak voleva semplicemente fare un gesto simbolico per sottolineare quanto questi dispositivi siano importanti nella nostra vita.
«Se dobbiamo essere onesti con noi stessi, ci connettiamo con i nostri telefoni su tanti livelli emotivi. Lo controlliamo per calmarci, sorridere, prender sonno, rilassarci. Cioè, secondo me, tutto quello di cui è fatta una relazione. E in questo senso il mio smartphone ha rappresentato la relazione più lunga, ecco perchè ho deciso di sposarlo», ha detto Aaron Chervenak secondo il sito di tecnologia Ubergizmo che fa notare come il gesto sia strano, ma in passato diverse persone si sono già sposate a Las Vegas con oggetti inanimati.

Fotografa le parti intime di un suo paziente, infermiera finisce nei guai: ecco come si giustifica…

Uno strano vizietto è costato caro a un’infermiera americana di 27 anni. Kristen Johnson è stata arrestata per aver fotografato i genitali di un suo paziente mentre era incosciente.
La donna che lavora in un ospedale di New York avrebbe immortalato con il suo smartphone le parti intime dell’uomo.

1640608_infermiera-foto-genitali

Kristen ha ammesso di aver fatto le foto, come riporta il Daily News, e ha poi aggiunto che non ci sarebbe stato un motivo preciso per tale gesto. L’infermiera avrebbe fatto girare tra i suoi contatti la foto, motivo per cui è stata sorpresa. Kristen è stata sospesa dalla professione ed è stata messa in libertà vigilata per i prossimi 3 anni.

Guarda un film pirata in aereo sullo smartphone. Non immagina chi è seduta accanto a lui

La prossima volta che si decide di guardare un film pirata in pubblico sarà bene guardarsi attorno per evitare incontri imbarazzanti.

34535292

Se lo ricorderà di certo il passeggero di un volo che stava guardando un film ancora in sala sul suo smartphone, ignaro che nel posto accanto al suo fosse seduta proprio la protagonista di Dilwale, una produzione di Bollywood.
L’attrice Kriti Sanon non ha gradito e ha pubblicato su twitter due foto dell’uomo con il commento: “Qualcuno sta guardando una versione pirata di Dilwale sul telefonino proprio accanto a me. Arrabbiata” #noallapirateria. I suoi tweet sono stati condivisi più di 5.000 volte dai suoi followers, tutti d’accordo con la star.