“Ha votato Trump, non ci posso credere”: lascia il marito dopo 22 anni di matrimonio

Secondo un recente sondaggio della Reuters, le recenti elezioni presidenziali Usa, che hanno visto il trionfo di Donald Trump, sono state causa di parecchie dispute all’interno delle famiglie statunitensi. Mai prima d’ora, infatti, la contrapposizione era stata così netta. Anche perché, con l’avvento del controverso tycoon di lontane origini tedesche, il dibattito politico non è più la solita contrapposizione tra repubblicani e democratici.

2256570_lascia_marito_22_anni_matrimonio_votato_trump

In alcuni casi i dissidi interni alle famiglie hanno portato a rotture drastiche. Chiedete, ad esempio, alla 73enne californiana Gayle McCormick, una guardia giurata in pensione, che ha lasciato e chiesto il divorzio dal marito dopo 22 anni felici di matrimonio. Ne parla anche il New York Times. Il motivo è molto semplice e la diretta interessata, riportata anche dal New York Post, lo ha spiegato così: «Ho scoperto che ha votato per Trump, per me è stato uno choc. Sono sempre stata una democratica con tendenze socialiste e non potevo accettare una cosa simile, soprattutto per quanto riguarda il sessismo di Trump. Ho sbagliato ad accettare cose, da giovane, che ora non posso più tollerare. Non voglio passare il resto della mia vita con un uomo che ha votato per Trump, anche se siamo stati sposati per così tanto tempo».

Matrimonio choc: albero cade sugli invitati e uccide una persona

Un morto e cinque feriti: questo è il drammatico bilancio di un incidente avvenuto durante un ricevimento di nozze. Durante il party, che si teneva all’aperto nel Penn Park di Whittier, a circa 20 miglia a est di Los Angeles, un albero di eucalipto è caduto finendo sopra alcuni degli invitati.

2150170_matrimonio-festa-albero

Immediatamente sono stati chiamati i soccorsi che hanno provveduto a liberare alcuni degli invitati rimasti incastrati sotto l’albero, di queste cinque persone sono state portate in ospedale, fortunatamente con ferite lievi e piccoli traumi, ma una sesta persona non ce l’ha fatta ed è stata dichiarata morta sul colpo.
Come riporta la stampa locale l’albero sarebbe caduto in modo improvviso, senza dare prima segni di cedimento, almeno non visibili. Secondo le autorità e gli esperti a causare il drammatico incidente sarebbero state le forti piogge che si sono verificate nella zona negli ultimi giorni: la grande siccità dei giorni precedenti e poi i forte scrosci d’acqua potrebbero aver indebolito le piante e portato al dramma in quello che doveva essere un giorno di festa.

Matrimonio con 70.000 zombie: nozze collettive nel parco per beneficenza

Telam Ger Berstein è l’ideatore e organizzatore della Zombie Walk Argentina, giunta alla sua 9° edizione con una passeggiata che inizia da Plaza San Martin e culmina in un matrimonio di massa nel Parco Thays. La passeggiata di zombie, che si svolge ogni anno a Buenos Aires dal 2008, si propone di dare un messaggio: “Siamo tutti zombie, alla ricerca della coscienza universale, ma l’evoluzione inizia individualmente “.

2108739_zombiewalkargentina

Solo sessanta persone parteciparono alla prima edizione, mentre quest’anno si sono ritrovati in circa 70mila. La Zombie Walk Argentina ha anche finalità benefiche, come raccogliere donazioni per istituti di assistenza pubblici. “I film ritraggono lo zombie come un nemico, e questo è un ottimo modo di farci avere paura di noi stessi”, riflette Berstein.
La Zombie Walk secondo l’organizzatore “ha cercato di presentare un ritratto critico della società contemporanea”, perché, a suo avviso, i tratti distintivi degli Zombie (pallore, cannibalismo, decomposizione e camminare senza coscienza) “sono una sorta di parodia del cittadino attuale”.

Palmisano, sorpresa dopo le Olimpiadi: torna in Italia e il fidanzato la accoglie così

Dopo le fatiche della marcia 50 km, Antonella Palmisano dovrà affrontare anche la classica “marcia nuziale”. Per l’azzurra, che ha raggiunto il quarto posto nella 20 km olimpica, la proposta di matrimonio è arrivata. Grande emozione e sorpresa ieri mattina, al rientro da Rio, all’aeroporto di Fiumicino, per l’atleta nata a Mottola (Taranto), che ha trovato nella sala arrivi il “suo” Lorenzo con una sorpresa.

36482901Una proposta di matrimonio ben preparata: il fidanzato, dopo l’omaggio con un mazzo di rose rosse, si è inginocchiato, poi ha infilato l’anello all’anulare di Antonella. L’abbraccio tra i due ha suggellato il momento emozionante, tra gli applausi scroscianti dei tanti passeggeri che hanno assistito alla scena.
Per Antonella dunque niente medaglia olimpica al collo per un soffio, ma l’anello al dito è una consolazione adeguata. Dopo il quarto posto la marciatrice pugliese a Rio, commossa, si era rivolta al fidanzato, marciatore delle Fiamme Gialle: “Lorenzo, ora puoi sposarmi” aveva detto da Rio, “Al mio ragazzo  avevo detto che se andavo bene aspettavo la sua proposta, adesso vediamo che succede quando torno”. E la risposta è arrivata immediatamente.

Lei è malata terminale, ma lui la frequenta e decide di sposarla: “Ecco perché”

Si erano conosciuti all’inizio del 2015 grazie alla popolare app di incontri Tinder. Dopo aver iniziato a messaggiare, lei aveva confidato a lui di soffrire di una malattia che l’avrebbe uccisa nel giro di tre anni, eppure il ragazzo decise di frequentarla e portare avanti la relazione fino al matrimonio.

1844507_titolomAndy Bell e Anna Swabey, rispettivamente 26 e 24 anni, sono i protagonisti della storia che sta commuovendo la Gran Bretagna e il mondo intero. Durante lo scambio di messaggi, Andy chiese a Anna di incontrarsi e lei rispose così: «Ho un tumore al cervello che potrebbe uccidermi entro tre anni, capirei se tu non avessi più voglia di frequentarmi». Invece, a sorpresa, Andy decise di vederla.
«In quel momento rimasi sotto choc, perché non è ciò che ti aspetti da una ragazza così giovane» – racconta il ragazzo al Daily Mail – «In quel momento potevo svignarmela, ma ero così preso da lei che decisi di frequentarla comunque, e non era certo per compassione che lo facevo». Avviare la relazione fu facile, conoscere la famiglia di Anna un po’ meno: «Mi sentivo in imbarazzo perché non sapevo cosa potessero pensare di un ragazzo che usciva con la loro figlia anche se malata terminale. Poi però tutto è andato per il meglio».
Nel frattempo, le condizioni di salute di Anna peggiorarono e la ragazza fu costretta a lasciare il lavoro per curarsi. Il male che l’ha colpita è incurabile, ma le operazioni e la chemioterapia possono garantirle almeno qualche mese in più di vita. La relazione con Andy proseguì, inevitabilmente, da un ospedale all’altro. Ora però il ragazzo, dopo aver parlato con i genitori di Anna, ha deciso di sposarla: «Lei è una ragazza straordinaria, molto forte, anche se a volte la paura e il dolore la rendono molto fragile. In quei momenti mi sento impotente, ho paura anch’io ma non voglio farglielo notare. A settembre ci sposeremo, anche se so che prima dei 30 anni sarò vedovo. Ora, però, penso solo al momento in cui potrò presentarla come mia moglie».

Kirsty, 25enne in fin di vita, organizza il suo funerale. Ma avviene un miracolo

Kirsty Harvey, truccatrice scozzese affetta da fibrosi cistica, all’età di 25 anni subisce il collasso di un polmone (seguito da altri due) e i medici le dicono che la sua unica possibilità di salvezza è un doppio trapianto. Ma l’avvertono anche che c’è una bassissima probabilità di abbinamento. Sembra dunque che per lei non ci sia più nulla da fare. La ragazza organizza perfino il suo funerale, quando avviene il miracolo.

1803051_fibrosiAccade a Glenboig, nel Regno Unito. Come riporta il Mirror, quando ormai le speranze sembrano svanite nel nulla, arriva la buona notizia: c’è un donatore. “Sapevo che il mio tempo stava per scadere – racconta Kirsty – e non credevo che avrei vissuto abbastanza a lungo. I medici mi avevano prescritto un piano di cure palliative e io avevo organizzato il mio funerale per sollevare la mia famiglia da questa angosciosa incombenza”.
Kirsty viene operata al Freeman Hospital di Newcastle e l’intervento è un successo. Dopo due giorni è fuori dalla terapia intensiva. A otto anni da quell’esperienza, la ragazza, oggi 32enne, vive la sua vita a pieno e lo scorso anno si sposa con Dougie. “Il matrimonio – conclude – è un sogno che si avvera”