Una serie di «evidenze tecniche, non scalfite dai consulenti di parte, oltre a una serie di sms e mail» provano il furto, allo scopo di venderle, delle foto