Flavio Insinna, Rocchetta sospende lo spot Brio Blu dopo il fuori onda di Striscia

Brio Blu, sospeso lo spot con Flavio Insinna. In via definitiva. Cogedi, la compagnia che distribuisce i marchi Uliveto e Rocchetta, ha preso questa decisione il giorno successivo alla messa in onda dei fuori onda di “Striscia la notizia”.
In questi giorni sono molti gli utenti ad aver scritto, tra questi c’è l’associazione Viterbo Civica, che attraverso il presidente Lucio Matteucci ha inviato una mail al servizio consumatori di Cogedi dopo gli insulti del conduttore di “Affari tuoi” a una concorrente.

2472880_1941_insinna_rocchetta_brio_blu_sospeso_spot

La risposta? «Noi per primi siamo rimasti stupefatti – si legge – da quanto trasmesso da Striscia la notizia nelle serate del 23 e 24, in merito a comportamenti assunti dal signor Flavio Insinna nel contesto – fuori onda – del programma Affari tuoi e comprendiamo pertanto il suo disappunto. Desideriamo comunque informarla che la trasmissione, in ogni sede, dei nostri spot con il signor Insinna è stata immediatamente sospesa».
E Cogedi conferma: «E’ vero – spiegano – dal giorno successivo abbiamo sospeso la trasmissione degli spot pubblicitari». In via definitiva? «Sì, ad oggi. Stiamo rispondendo ad personam tramite il servizio consumatori o su Facebook alle richieste in merito. Ci rammarichiamo per quanto successo, anche noi siamo rimasti stupefatti. Alla luce di questo abbiamo deciso di sospendere i nostri spot in maniera definitiva». Non sono escluse eventuali ripercussioni a livello contrattuale con il testimonial di Brio Blu Rocchetta: «Queste – concludono – sono cose che valuteremo».

Una rara malattia le ha reso la pelle come quella di un coccodrillo: “Faccio fatica ad uscire di casa”

Una rara malattia le ha reso la pelle simile a quella di un coccodrillo e lei ha deciso di barricarsi in casa per la vergogna. Rachael Reynolds, 41 anni, madre di 4 figli, da Huddersfield, ha deciso di non uscire più di casa dopo che una malattia le ha reso la pelle simile a quella di un alligatore e il motivo è nelle continue prese in giro e osservazioni che le vengono fatte quando cammina in strada.

pelle-coccodrillo_13204337

Il disturbo che l’ha colpita è noto come neurofibromatosis tipo 1 (NF1), una malattia che ricopre il corpo intero di bolle. La donna ha ereditato il disturbo dal padre, ma le prime manifestazioni dei sintomi sono apparse in adolescenza: per molto tempo sono uscite solo poche bolle, ma negli ultimi anni il suo corpo si completamente riempito. «La malattia mi ha resa insicura», confessa Rachel al Daily Mail, «Credo che la gente mi guardi e provi disprezzo nei miei confronti». La donna racconta poi di aver subito molte prese in giro e di essere sempre guardata con disgusto dai passanti, una situazione che per lei è ormai diventata insopportabile.
Rachel teme che la sua condizione possa essere stata trasmessa ai suoi figli e che anche loro debbano subire il suo stesso calvario. Nonostante il suo scoramento non vuole però arrendersi e ha creato una pagina Facebook sulla malattia per poter permettere a chi ne soffre di confrontarsi e farsi forza.

“Leone di Lernia grave in ospedale”: ore d’ansia, l’annuncio degli amici dello Zoo di 105

Il noto cantante e conduttore radiofonico Leone Di Lernia, tra i protagonisti dello Zoo di 105 sarebbe in gravi condizioni in ospedale. Lo fa sapere lo stesso staff del programma sui social.

16864342_10154506389253722_6687645591306045394_n

“Abbiamo iniziato questo lungo percorso radiofonico insieme. Per 18 lunghi anni, ci siamo insultati, augurati la qualsiasi. Ti ho fatto un milione di scherzi, abbiamo creato tormentoni indimenticabli e costruito il programma radiofonico più assurdo d’Italia. Hai 80 anni, ma non hai mai mollato un secondo. Quando andiamo in onda, siamo cane e gatto, ma nella vita reale, ti voglio un bene indescrivibile. Non mollare adesso, nessuna malattia potrà mai sconfiggere il guerriero che c’è in te. Tieni duro vecchiaccio, perché voglio poterti insultare per altri 20 anni”, scrive Marco Mazzoli, anima e inventore dello Zoo, sul suo profilo Facebook. Leone di Lernia, nei giorni scorsi, aveva postato diversi video e foto che lo ritraevano in ospedale.

“A chi mancherò?”, l’ultimo appello della ragazzina suicida ignorato su Fb

Si è tolta la vita ad appena 13 anni: un’età difficile, dove la spensieratezza dell’infanzia lascia il posto ai disagi dell’adolescenza. Eppure non aveva mai mancato di far sapere ai propri contatti di Facebook di essere alle prese con la depressione, fino all’ultimo, disperato grido d’aiuto, totalmente ignorato.

14264127_1735453280038154_4011269824588514416_n_03142844

Questa la triste vicenda di Kirsty McGregor, raccontata dal Mirror. La ragazzina, orfana, era ospite di una casa-famiglia di Argyll, in Scozia, e si sentiva profondamente sola. I suoi post, su Facebook, ne sono la conferma. «Non ho mai avuto dei veri amici», scriveva Kirsty, che non mancava di condividere post assolutamente inquietanti: «Le persone più propense ad autoinfliggersi danni sono le ragazzine di età compresa tra i 13 e i 17 anni».
«Sono quella che non noti mai, quella che non viene invitata alle feste, quella che c’è sempre per gli altri ma poi non ha nessuno che ci sia per lei» – scriveva Kirsty – «Dopo tutto, se me ne andassi, a chi mancherei?». La vicenda ha suscitato tristezza e rabbia, scatenando anche una polemica sulle case-famiglia e sull’incapacità di ascoltare le richieste di aiuto di persone così giovani e fragili.

Noto sub e filmaker disperso mentra gira film sugli squali: appassionati col fiato sospeso

Rob Stewart, subacqueo e protagonista di pluripremiati documentari d’inchiesta legati al mare e al pianeta squali, è scomparso mentre stava filmando nelle acque delle Florida Keys per il suo nuovo film, il sequel del noto Sharkwater, che lo aveva portato al successo in tutto il mondo.

40409275

Solo pochi giorni prima, lo stesso Rob, sulla sua pagina Facebook, aveva esternato tutta la sua emozione per l’inizio delle riprese che sarebbero partite di lì a poche ore, postando una immagine che lo ritrae con la telecamera dei suoi sogni.
Mentre scriviamo, le ricerche proseguono. Guardia Costiera, elicotteri e imbarcazioni private, il mondo dei social, tutti si sono attivati fin dal primo momento per cercare di aiutare nelle ricerche che, nonostante le condizioni del mare siano buone, non hanno ancora dato i risultati sperati. Le acque delle Florida Keys sono famose per la presenza di diverse specie di squali e di altri animali pericolosi. Tuttavia, la grande esperienza di Rob che si è immerso per anni in acque ben più problematiche, lascia pensare che la sua scomparsa possa essere legata ad altro e tiene viva la speranza che possa essere ritrovato sano e salvo, pronto per la prossima avventura nel suo mare.

Bruciata dal fidanzato, Ylenia su Fb: “So io che è successo, fatevi i cavoli vostri”

“Fatevi i cavoli vostri, so io cosa è successo e so io ciò che sento e provo”. Così scrive su Facebook Ylenia Grazia Bonavera, la 22enne di Messina data alle fiamme l’8 gennaio scorso presumibilmente dall’ex fidanzato Alessio Mantineo.

GN4_DAT_9091684.jpg--_non_e_stato_lui__e_il_mio_amore___ylenia_continua_a_difendere_il_fidanzato

Ylenia, che ha preso le difese dell’ex ragazzo, anche durante la puntata di ‘Pomeriggio 5’ divenuta oggetto di polemica per la “frase gravissima” pronunciata da Barbara d’Urso, sembra voler confermare la propria versione sui social.
La sua bacheca è cosparsa di foto che ritraggono la giovane coppia accompagnate da frasi della ragazza che non lasciano dubbi: “Sono pazza di te”, “Ti amo”, “Solo tu”, “Ho il cuore a pezzi”. Mantineo resta intanto in carcere in quanto, a suo carico, ci sono “gravi indizi di colpevolezza”.